fbpx

Belgio, in migliaia non hanno ancora ricevuto il bonus riscaldamento

Belgio, in migliaia non hanno ancora ricevuto il bonus riscaldamento

K metro 0 – Bruxelles – Migliaia di persone, in Belgio, rischiano di non ricevere il bonus riscaldamento di 100 euro perché non lo hanno ricevuto in automatico e non l’hanno ancora richiesto. Hanno solo pochi giorni per verificarlo (e rivendicarlo). Di fronte all’impennata dei prezzi dell’energia, il governo federale belga ha introdotto all’inizio dell’anno

K metro 0 – Bruxelles – Migliaia di persone, in Belgio, rischiano di non ricevere il bonus riscaldamento di 100 euro perché non lo hanno ricevuto in automatico e non l’hanno ancora richiesto.

Hanno solo pochi giorni per verificarlo (e rivendicarlo). Di fronte all’impennata dei prezzi dell’energia, il governo federale belga ha introdotto all’inizio dell’anno un bonus riscaldamento di 100 euro netti. Nella maggior parte dei casi, questa somma è stata automaticamente detratta dalla bolletta o versata sul numero di conto del cliente dal suo fornitore di energia elettrica.

Più che un bazooka energetico, come cerca di farlo passare il governo, è una pistola ad acqua, secondo Maxime Prévot, presidente di Les Engagés, (il partito cristiano democratico della comunità francofona).

Di fronte alla crisi energetica, dice Prévot, la soluzione sarebbe il blocco del prezzo del gas a 100 euro al Megawatt.

Ma in attesa di uno scudo tariffario, come in Francia, Spagna, Portogallo e Germania, si scopre che nel paese di Tintin, non tutti hanno ancora ricevuto il bonus da 100 euro. E migliaia di belgi rischiano di perderlo se non agiscono rapidamente.

La ragione? Il pagamento del bonus si basa su uno scambio di dati tra SPF Economie (il Servizio pubblico federale economia, piccole e medie imprese, classi medie ed energia responsabile del “funzionamento competitivo, sostenibile ed equilibrato del mercato dei beni e dei servizi in Belgio”, con sede a Bruxelles), i fornitori di energia e il Registre Nationale

(un database che contiene i dati riguardanti l’identità di tutte le persone legalmente residenti in Belgio così come i belgi registrati presso i consolati: luogo e data di nascita, stato civile, residenza principale, nazionalità, professioni dichiarate, patenti di guida, status di voto).

“Solo se tutti i dati sono corretti al 100% il bonus viene pagato automaticamente”, spiega Lien Meurisse, portavoce di SPF Économie, sulle colonne del “Nieuwsblad” (quotidiano belga di lingua olandese). Un numero civico sbagliato o una lettera in più nel nome sono sufficienti per inceppare la macchina.

Possono scapitarne anche le persone il cui contratto di fornitura è ancora intestato al partner deceduto, come nel caso di molte persone anziane. Finché le bollette vengono pagate, la maggior parte dei fornitori non richiede che siano messe a nome della vedova o del vedovo.

Il tempo stringe. Chi non ha ancora ricevuto i 100 euro ha tempo fino al 15 ottobre per inviare una richiesta tramite il modulo online disponibile (https://verwarmingspremie.economie.fgov.be/public) o il numero telefonico di SPF Économie.

Condividi su:

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa



Condividi su: