fbpx

Islanda, stop alla caccia alle balene mentre la domanda diminuisce

Islanda, stop alla caccia alle balene mentre la domanda diminuisce

K metro 0 – Reykjavik – L’isola dei vichinghi ha appeso al chiodo gli arpioni. E prevede di porre fine alla caccia alle balene dal 2024. Negli ultimi anni, invece di finire come bistecche su un piatto, sono diventate le protagoniste di un fiorente ecoturismo. Già nel 2019, più di 360.000 whales-watchers (osservatori di balene) si

K metro 0 – Reykjavik – L’isola dei vichinghi ha appeso al chiodo gli arpioni. E prevede di porre fine alla caccia alle balene dal 2024. Negli ultimi anni, invece di finire come bistecche su un piatto, sono diventate le protagoniste di un fiorente ecoturismo.

Già nel 2019, più di 360.000 whales-watchers (osservatori di balene) si sono riversati nelle acque del Nord Atlantico, al largo dell’Islanda, per ammirare le maestose creature nel 2019, prima che la pandemia di Covid-19 paralizzasse il settore turistico.

La domanda di carne di questo cetaceo dei mari freddi del nord era diminuita da quando il Giappone, il mercato principale dell’Islanda, è tornato alla caccia commerciale, dopo una pausa di tre decenni. Negli ultimi tre anni, i balenieri islandesi hanno a malapena portato le loro barche nel Nord Atlantico nonostante le grandi quote di pesca autorizzate del loro paese.

L’estensione di una zona costiera vietata alla pesca, che richiedeva ai balenieri di spingersi ancora più al largo, ha anche reso più costosa la caccia nei mari d’Islanda.

“Ci sono poche giustificazioni per autorizzare la caccia alle balene oltre il 2024”, ha scritto sul quotidiano “Morgunbladid” il ministro della Pesca islandese Svandis Svavarsdottir, membro del partito dei Verdi di sinistra. “E ci sono poche prove che ci sia un vantaggio economico in questa attività”, ha aggiunto.

Islanda, Norvegia e Giappone sono gli unici paesi che autorizzano la caccia commerciale alle balene, nonostante le critiche di attivisti per i diritti degli animali e ambientalisti, le preoccupazioni per le tossine nella carne di questi cetacei e un mercato in contrazione.

Le quote annuali dell’Islanda dal 2019 al 2023 consentono la caccia di 209 balenottere comuni – la seconda specie più grande del pianeta dopo la balenottera azzurra, considerata in via di estinzione – e 217 balenottere minori, una delle specie più piccole.

Ma negli ultimi tre anni, i due principali titolari di licenza islandesi hanno sospeso la loro caccia alle balene e uno di loro, IP-Utgerd, ha definitivamente cessato l’attività nel 2020. Anche altri problemi hanno reso la caccia alle balene più impegnativa. I requisiti di sicurezza per la carne importata sono più severi che per i prodotti locali, rendendo più difficili le esportazioni islandesi. 

Le restrizioni sul distanziamento sociale imposte per combattere la pandemia di coronavirus hanno inoltre impedito agli stabilimenti islandesi di lavorazione della carne di balena di svolgere regolarmente la loro attività. Nell’ultima stagione completa dell’Islanda, nel 2018, sono state uccise 146 balenottere comuni e sei balenottere minori.

L’Islanda aveva ripreso la caccia commerciale alle balene nel 2003 nonostante una moratoria IWC (International Whaling Commission, la Commissione internazionale per la caccia alle balene) del 1986, a cui sia essa che la Norvegia si sono opposte.

Nella vicina Norvegia, i balenieri hanno avuto esperienze simili a quelle dell’Islanda negli ultimi anni, lottando per riempire le loro quote. Anche il numero di barche che partecipano alla caccia continua a diminuire. Nel 2021, 575 balene sono state arpionate in Norvegia: meno della metà della quota autorizzata, dalle 14 barche ancora in servizio.

E intanto nei cieli d’Islanda, venerdì, un piccolo aereo, partito giovedì mattina dall’aeroporto di Reykjavik, la capitale islandese, è misteriosamente scomparso con quattro persone a bordo, tra cui tre turisti stranieri.

Il Cessna C-172, era partito dall’aeroporto di Reykjavik per sorvolare i dintorni del Golden Circle, il Circolo d’oro d’Islanda: un percorso di escursione divenuto un must per tutti i fornitori di tour, che comprende tre principali luoghi di visita: il Parco Nazionale di Tingvellir, l’area geotermica di Geysir e la cascata di Gullfoss, una delle più spettacolari d’Islanda.

Secondo il piano di volo, doveva tornare al punto di partenza due ore dopo. Ma è scomparso. Due elicotteri della guardia costiera, piccoli aerei privati ​​e circa 500 soccorritori sono stati mobilitati su un terreno difficile e innevato in una vasta area nel sud-ovest dell’isola, per ritrovare i quattro passeggeri tra cui tre turisti (due residenti in Belgio) e il pilota, un islandese di circa 50 anni.

“Basiamo le ricerche sulle informazioni raccolte dai telefoni e anche sulle informazioni di tracciamento del controllo del traffico aereo (ATC)”, ha affermato Aasegiur Erlendsson, portavoce della guardia costiera islandese. Aggiungendo che l’ultima posizione registrata era a circa 50 chilometri a est di Reykjavik.

Condividi su:

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa



Condividi su: